Bio

Siciliano di Campobello di Licata in provincia di Agrigento, studia fotografia allo IED di Milano all’inizio degli anni 2000. Al termine degli studi partecipa come  assistente a due produzioni video dei MASBEDO,Gelo Verticale e 11.45.03; queste contribuiscono,insieme alla passione per il cinema, soprattutto quello neorealista, a formare in lui un’interesse per il video come mezzo di espressione e comunicazione. Sempre in questo periodo espone la serie di fotografie, presentate come tesi di fine corso, La Violenza dei Luoghi a Milano presso Polifemo fotografia e a Lodi per la Carovana Antimafia dell’ass. LIBERA contro le mafie. Di questi tempi è anche il progetto Kr 139, una collaborazione artistica con Giovanni Rizzo, anch’egli fotografo siciliano e collega allo IED di Milano, che produce un video dal titolo SO3 e altri progetti fotografici. Dopo questo periodo di sperimentazione si allontana dalla fotografia per qualche anno e apre un’attività commerciale, il Libertyquadro, un cocktail bar che lo riempie di soddisfazioni pur non smorzando il desiderio di ritornare alla sua prima passione. Finita questa esperienza si ributta nel mondo della fotografia partecipando alla realizzazione di Shelter, una video installazione dell’artista americana Lisa Wade. In questo progetto, a cura di Donatella Giordano e prodotto dalla galleria BOCS di Catania, si occupa insieme a Claudio Cocuzza del coordinamento tecnico. Successivamente collabora con il regista siciliano Croce Costanza nello spettacolo teatrale, di denuncia contro la mafia, Dalla trazzera all’autostrada in qualità di aiuto regista. Dopo il teatro inizia la collaborazione con la rivista di letteratura on line il colophon di Antonio Tombolini Editore sotto la direzione artistica di Marta D’Asaro. Nel frattempo le foto dell’opera EPIC FAIL, del collettivo artistico milanese Alterazioni Video, vengono pubblicate nell’articolo di Donatella Giordano su ARTRIBUNE. Il primo significativo approccio alla produzione di un video si ha con il cortometraggio Alice del 2013 realizzato e prodotto assieme a Gero Greco, videomaker, e Marcello Terrana. Il corto, pur essendo realizzato con un budget limitato, gli dà la possibiltà di sperimentare, e cercare di decodificare, il complesso mondo delle immagini in movimento ed è anche un’occasione di ricerca personale oltre che sociale. Alice è stato presentato al Face Festival di Reggio Calabria nel 2014. Un altro lavoro video è 20 14 A.C., una video installazione sull’indifferenza e la diversità dove l’esperienza del teatro, della fotografia e del video si fondono. Da qualche tempo ha iniziato a lavorare nel campo commerciale realizzando fotografie di still life e non solo, per alcune aziende tra cui Cut System Sicilia.

(ENG) autoritratto bio